Le sillogi epistolari tra "autori" e "compilatori". Il caso di Pietro di Blois