Pompei/Messene: il “Doriforo” e il suo contesto