LONGOBARDI. UN PASSATO DECLINATO AL FUTURO