Il saggio fa parte di un volume miscellaneo dedicato a come i maggiori scrittori italiani, dal Medioevo a oggi, abbiano considerato e descritto il proprio corpo. Il contributo ricostruisce il rapporto di Gadda con le proprie membra, rapporto da cui scaturisce l'esplosivo fantastico immaginario dello scrittore. L'indagine è condotta partendo dall'analisi dei personaggi autobriografici dei romanzi e dei racconti e dalle lettere di Gadda a parenti e amici.

«Quindi Carlo Emilio Gadda, Duca di Sant’Aquila, (Gaddùs) parte col piede sinistro e si avanza con passo scozzese…»

Zoppi S
2010

Abstract

Il saggio fa parte di un volume miscellaneo dedicato a come i maggiori scrittori italiani, dal Medioevo a oggi, abbiano considerato e descritto il proprio corpo. Il contributo ricostruisce il rapporto di Gadda con le proprie membra, rapporto da cui scaturisce l'esplosivo fantastico immaginario dello scrittore. L'indagine è condotta partendo dall'analisi dei personaggi autobriografici dei romanzi e dei racconti e dalle lettere di Gadda a parenti e amici.
88-89920-57-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/641
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact