La «Ad ostendendam viam» e il problema delle fonti nell’epistolario di Gregorio IX