L'"ischiettezza" e l'"astuzia". Qualche appunto sull'autobiografia vichiana