"Diaz" e la verità delle immagini