Questo contributo fornisce un’interpretazione dell’Antigone di Sofocle come tragedia politica in cui le tradizionali polarità per opposizione (stasis/polemos, philos/echthros, idion/koinon) sono messe in crisi e ogni personaggio si rivela ambiguo: Polinice è al contempo un philos, per i suoi consanguinei superstiti, e un echthros, per l’intera comunità di Tebe; Creonte è insieme un buon re, come si evince dal suo discorso d’insediamento, in cui ricorrono quelli che diventeranno motivi topici della retorica democratica, e un tiranno, come emergerà dallo sviluppo drammatico; Antigone combatte per la continuità del genos e contro di esso. Tema dominante della tragedia è lo status: quando Antigone osserva le leggi non scritte in materia di sepoltura, agisce per conservare intatto il rango del suo genos in seno alla comunità, allontanando da sé e dal genos il rischio dell’aischron, della riprovazione morale. Il codice e il movente delle sue azioni rimangono dunque aristocratici. La hybris di Creonte consiste, invece, in una concezione ‘artificiale’ della philia e in un’idea ‘sacrale’, del proprio primato politico che lo induce a bollare come sacrilega ogni forma di dissenso. Il che si risolve in un’ulteriore ambiguità: il tiranno si rivela al tempo stesso troppo in anticipo sui tempi, troppo ‘moderno’, per la sua concezione della philia, troppo arcaico, per la sua idea semi-divina dell’autocrazia.

Bia(i) politon. Sulla disobbedienza di Antigone

CARILLO, Gennaro
2008

Abstract

Questo contributo fornisce un’interpretazione dell’Antigone di Sofocle come tragedia politica in cui le tradizionali polarità per opposizione (stasis/polemos, philos/echthros, idion/koinon) sono messe in crisi e ogni personaggio si rivela ambiguo: Polinice è al contempo un philos, per i suoi consanguinei superstiti, e un echthros, per l’intera comunità di Tebe; Creonte è insieme un buon re, come si evince dal suo discorso d’insediamento, in cui ricorrono quelli che diventeranno motivi topici della retorica democratica, e un tiranno, come emergerà dallo sviluppo drammatico; Antigone combatte per la continuità del genos e contro di esso. Tema dominante della tragedia è lo status: quando Antigone osserva le leggi non scritte in materia di sepoltura, agisce per conservare intatto il rango del suo genos in seno alla comunità, allontanando da sé e dal genos il rischio dell’aischron, della riprovazione morale. Il codice e il movente delle sue azioni rimangono dunque aristocratici. La hybris di Creonte consiste, invece, in una concezione ‘artificiale’ della philia e in un’idea ‘sacrale’, del proprio primato politico che lo induce a bollare come sacrilega ogni forma di dissenso. Il che si risolve in un’ulteriore ambiguità: il tiranno si rivela al tempo stesso troppo in anticipo sui tempi, troppo ‘moderno’, per la sua concezione della philia, troppo arcaico, per la sua idea semi-divina dell’autocrazia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/1170
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact