Riflessioni a margine di alcuni casi di deroga al principio di alternatività tra imposta sul valore aggiunto e imposta di registro