Complex systems can be studied both here and now both in their evolution in a given period. On this basis, this paper intends to decline on a diachronic and in the context of teaching the concept of vicariance identified on the synchronic by Alain Berthoz in living organisms (Bertohz, 2011). Principles and properties “simplexities” can indeed be analyzed on the basis of a methodology analog intensive, such as regulatory instruments of education systems (Sibilio, 2013). It also will advance the hypothesis of enriching the tools to decipher the complexity provided by Berthoz integrating the so-called principle of ex-aptation (Gould and Vrba, 1982).

L’originale approccio semplesso applicato allo studio del fenomeno didattico trova il proprio fondamento nella possibilità di considerare i sistemi viventi e quelli didattici come due estrinsecazioni di una medesima classe, quella dei sistemi complessi adattivi. I sistemi complessi possono essere studiati sia nell’hic et nunc, che nel loro evolversi in un determinato periodo. Su questa base, il presente lavoro declina nel contesto didattico, in una dimensione diacronica, il concetto di vicarianza, individuato sul piano sincronico dal neurofisiologo del College de France, Alain Berthoz, negli organismi viventi. Principi e proprietà semplesse possono essere infatti analizzati sulla base di una metodologia analogica intensiva, come strumenti regolativi dei sistemi didattici. Il contributo propone in via sperimentale l’arricchimento degli strumenti di decifrazione della complessità forniti da Alain Berthoz integrandovi il cosiddetto principio di ex-aptation elaborato da Gould e Vrba, che la pedagogista Elisa Frauenfelder inquadra nella cornice del discorso pedagogico come processo di ristrutturazione autopoietica. Il framework concettuale emergente consente di procedere analogicamente verso la valutazione dei sistemi didattici in termini di circolarità adattiva tra soggetti coinvolti nei cambiamenti che si realizzano nel corso dell’esperienza didattica.

Declinazioni e interpretazioni della vicarianza. L'ex-aptation alla luce della didattica semplessa.

CARLOMAGNO, Nadia
;
2015

Abstract

L’originale approccio semplesso applicato allo studio del fenomeno didattico trova il proprio fondamento nella possibilità di considerare i sistemi viventi e quelli didattici come due estrinsecazioni di una medesima classe, quella dei sistemi complessi adattivi. I sistemi complessi possono essere studiati sia nell’hic et nunc, che nel loro evolversi in un determinato periodo. Su questa base, il presente lavoro declina nel contesto didattico, in una dimensione diacronica, il concetto di vicarianza, individuato sul piano sincronico dal neurofisiologo del College de France, Alain Berthoz, negli organismi viventi. Principi e proprietà semplesse possono essere infatti analizzati sulla base di una metodologia analogica intensiva, come strumenti regolativi dei sistemi didattici. Il contributo propone in via sperimentale l’arricchimento degli strumenti di decifrazione della complessità forniti da Alain Berthoz integrandovi il cosiddetto principio di ex-aptation elaborato da Gould e Vrba, che la pedagogista Elisa Frauenfelder inquadra nella cornice del discorso pedagogico come processo di ristrutturazione autopoietica. Il framework concettuale emergente consente di procedere analogicamente verso la valutazione dei sistemi didattici in termini di circolarità adattiva tra soggetti coinvolti nei cambiamenti che si realizzano nel corso dell’esperienza didattica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/1210
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact