Il referendum del 12-13 giugno 2011 ha sconvolto l'ordinamento dei servizi pubblici locali, e in particolare quello per i servizi idrici. Questo ha determinato una certa confusione tra gli obiettivi politici dichiarati del referendum (contrastare la "privatizzazione dell'acqua") e il diritto comunitario, che invece predilige – seppure con ampi margini – l'affidamento dei servizi tramite gara. Gazzetta ambiente ritorna su questo tema e lo fa con l'aiuto di Lucia Quaglino, Serena Sileoni e Carlo Stagnaro dell'Istituto Bruno Leoni. Gli Autori attraverso un'analisi puntuale dello stato dell'arte del servizio idrico nel nostro Paese, illustrano le problematiche e le possibili soluzioni. L'articolo analizza le conseguenze del referendum sotto i due vincoli derivanti dalla necessità di finanziare gli investimenti e dalla compatibilità con le direttive europee. A questo scopo è necessario guardare quello che avviene negli altri Paesi europei. Infatti, sono stati oggetto di studio le modalità di gestione del servizio in alcuni casi "di successo": il monopolio territoriale vitalizio inglese, privato e regolato; la gestione delegata francese e quella pubblica tedesca. In questo settore è l'importante adottare una normativa di riferimento chiara e coerente, che sia da un lato compatibile con le norme europee, dall'altra in grado di consentire gli investimenti necessari a migliorare la qualità del servizio e, in alcuni casi, a sanare gravi inadempienze del nostro Paese rispetto a quanto previsto dalle direttive europee sulla qualità delle acque. Sulla base delle esperienze italiana ed estere, gli Autori hanno formulato alcune proposte di policy.

L'acqua dopo il referendum

Sileoni S
2012

Abstract

Il referendum del 12-13 giugno 2011 ha sconvolto l'ordinamento dei servizi pubblici locali, e in particolare quello per i servizi idrici. Questo ha determinato una certa confusione tra gli obiettivi politici dichiarati del referendum (contrastare la "privatizzazione dell'acqua") e il diritto comunitario, che invece predilige – seppure con ampi margini – l'affidamento dei servizi tramite gara. Gazzetta ambiente ritorna su questo tema e lo fa con l'aiuto di Lucia Quaglino, Serena Sileoni e Carlo Stagnaro dell'Istituto Bruno Leoni. Gli Autori attraverso un'analisi puntuale dello stato dell'arte del servizio idrico nel nostro Paese, illustrano le problematiche e le possibili soluzioni. L'articolo analizza le conseguenze del referendum sotto i due vincoli derivanti dalla necessità di finanziare gli investimenti e dalla compatibilità con le direttive europee. A questo scopo è necessario guardare quello che avviene negli altri Paesi europei. Infatti, sono stati oggetto di studio le modalità di gestione del servizio in alcuni casi "di successo": il monopolio territoriale vitalizio inglese, privato e regolato; la gestione delegata francese e quella pubblica tedesca. In questo settore è l'importante adottare una normativa di riferimento chiara e coerente, che sia da un lato compatibile con le norme europee, dall'altra in grado di consentire gli investimenti necessari a migliorare la qualità del servizio e, in alcuni casi, a sanare gravi inadempienze del nostro Paese rispetto a quanto previsto dalle direttive europee sulla qualità delle acque. Sulla base delle esperienze italiana ed estere, gli Autori hanno formulato alcune proposte di policy.
servizi pubblici locali; servizio idrico; referendum
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/12364
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact