Nota critico-filologica. L’opera d’arte nell’epoca della sua traducibilità gratuita