Si commentano le sentenze della CGUE che affrontano i problemi di compatibilità dei sistemi sanzionatori basati sul doppiobinario penale/amministrativo con la garanzia europea del ne bis in idem. Muovendo dalla conclusione alla quale giunge la Corte, secondo cui la limitazione del diritto sancito dall’art. 50 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea è possibile purché ricorrano alcuni presupposti, si riflette criticamente sulla effettiva consistenza che, d’ora in avanti, avrà il diritto a non essere giudicati e sanzionati due volte per lo stesso fatto.

Il ne bis in idem e la difficoltà di dialogo tra ordinamento europeo e ordinamento interno

Serena Stacca
2018

Abstract

Si commentano le sentenze della CGUE che affrontano i problemi di compatibilità dei sistemi sanzionatori basati sul doppiobinario penale/amministrativo con la garanzia europea del ne bis in idem. Muovendo dalla conclusione alla quale giunge la Corte, secondo cui la limitazione del diritto sancito dall’art. 50 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea è possibile purché ricorrano alcuni presupposti, si riflette criticamente sulla effettiva consistenza che, d’ora in avanti, avrà il diritto a non essere giudicati e sanzionati due volte per lo stesso fatto.
ne bis in idem; sanzioni penali; sanzioni amministrative
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/12436
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact