Sull’“enigma dello stile di Guccio”