L.-E. DURANTY, LO SCONOSCIUTO DEL REALISMO