Carl Schmitt, Leo Strauss e la strana lotta tra due liberalismi