Dal fuori al dentro? Lo spazio della formazione di sé in Michel Foucault