Alla riscoperta della spaventosa estraneità dell’in-fans tra immagini d’infanzia e vite bambine