Il governo di sé e del sapere fra valutazione e parrhesia