Un inedito di Fellini e Pinelli e una questione di genetica del cinema