Afgani, omuncoli e fine della storia. A proposito di un testo poco noto di Ippolito Nievo