L’arte come spazio necessario: dove prende corpo il Sublime