I 'pieni' e i 'vuoti' di Bernari