La distanza e il margine: Bernari da "Tre operai" a "Speranzella"