Carl Schmitt, il giurista e i suoi arcani