Il genio della guerra, la forza dello Stato: Fichte e Clausewitz