Thomas Mann e l’ambiguità del diavolo