L'articolo costituisce una riflessione sulla tutela dei diritti fondamentali nell'era digitale e sulla necessità di allargare gli orizzonti del costituzionalismo affinché l'età digitale possa ancora essere “l’età dei diritti”. In questo senso, si individuava quale strada percorribile per garantire l’effettività dell’hard law rispetto al multiforme universo del web quella già intrapresa, in alcuni settori, dal legislatore eurounitario, come già avvenuto nel campo della protezione dei dati personali con il Reg. 2016/679/UE (GDPR).

L'età digitale come "età dei diritti": un'utopia ancora possibile?

Aldo Iannotti della Valle
2019

Abstract

L'articolo costituisce una riflessione sulla tutela dei diritti fondamentali nell'era digitale e sulla necessità di allargare gli orizzonti del costituzionalismo affinché l'età digitale possa ancora essere “l’età dei diritti”. In questo senso, si individuava quale strada percorribile per garantire l’effettività dell’hard law rispetto al multiforme universo del web quella già intrapresa, in alcuni settori, dal legislatore eurounitario, come già avvenuto nel campo della protezione dei dati personali con il Reg. 2016/679/UE (GDPR).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/15159
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact