L'età digitale come "età dei diritti": un'utopia ancora possibile?