Questo articolo si propone di esaminare le competenze dell’Unione europea in materia sanitaria, mettendo a fuoco le criticità del meccanismo definito dai Trattati. In particolare, vengono analizzate le numerose azioni intraprese dalle Istituzioni europee per far fronte alla pandemia da Covid-19, onde poter misurare l’efficacia e l’adattabilità alle situazioni di crisi degli strumenti adottati. L’analisi conduce a valutare anche l’opportunità di una rilettura dei Trattati che inserisca la politica sanitaria esclusivamente tra le competenze concorrenti dell’Unione e contempli una regolamentazione dell’emergenza alternativa rispetto a quella ordinariamente prefigurata. Viene, pertanto, prospettato un modello nuovo che passa, in particolare, per la codificazione di strumenti operativi, necessariamente più flessibili e di più rapida attuazione, quali le Comunicazioni della Commissione, nonché, più in generale, per l’attivazione di una cooperazione rafforzata che aggiorni l’esistente disciplina sulle catastrofi e sulle calamità naturali, in modo da superare il coordinamento fantasma tra gli Stati membri.

Brevi note sulla gestione dell’emergenza sanitaria nell’Unione europea.

Fiengo G.;
2020

Abstract

Questo articolo si propone di esaminare le competenze dell’Unione europea in materia sanitaria, mettendo a fuoco le criticità del meccanismo definito dai Trattati. In particolare, vengono analizzate le numerose azioni intraprese dalle Istituzioni europee per far fronte alla pandemia da Covid-19, onde poter misurare l’efficacia e l’adattabilità alle situazioni di crisi degli strumenti adottati. L’analisi conduce a valutare anche l’opportunità di una rilettura dei Trattati che inserisca la politica sanitaria esclusivamente tra le competenze concorrenti dell’Unione e contempli una regolamentazione dell’emergenza alternativa rispetto a quella ordinariamente prefigurata. Viene, pertanto, prospettato un modello nuovo che passa, in particolare, per la codificazione di strumenti operativi, necessariamente più flessibili e di più rapida attuazione, quali le Comunicazioni della Commissione, nonché, più in generale, per l’attivazione di una cooperazione rafforzata che aggiorni l’esistente disciplina sulle catastrofi e sulle calamità naturali, in modo da superare il coordinamento fantasma tra gli Stati membri.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/15521
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact