Reflecting upon the widespread lack of interest of young people in civil commitment, this essay questions the challenges that today education is called to gather because of the unbreakable link that ties education to politics. Giving attention to the absence of a genuine democratic education (Zagrebelsky), which would train young people to the values underlying democracy itself, Rawl’s contract pedagogy identifies a possible pedagogic suggestion of needs for change and greater social justice expressed by young people. Based on Rawls’s theory, then we assume that the idea of justice as equity, at the base of a society which pays particular attention to social inequalities and differences in the context of a shared education project.

Riflettendo sul diffuso disinteresse dei giovani nei confronti dell'impegno civile, il saggio si interroga sulle sfide che la pedagogia è oggi chiamata a raccogliere in ragione del nesso inscindibile che lega la pedagogia alla politica. Constatando l'assenza di una autentica pedagogia democratica che possa formare i giovani ai valori sottesi alla democrazia stessa, il lavoro individua nella teoria contrattualista di Rawls una possibile suggestione pedagogica in grado di venire incontro alle istanze di cambiamento e di maggiore giustizia sociale espresse dal mondo giovanile. Sulla base della teoria rawlsiana, viene ipotizzata quindi l'idea della giustizia come equità, posta alla base di una società particolarmente attenta alle diseguaglianze sociali e alle differenze nel quadro di un progetto pedagogico condiviso.

PEDAGOGIA ED ISTANZE GIOVANILI. PER UN MODELLO DI EDUCAZIONE AL SENSO DI GIUSTIZIA

SIRIGNANO, Fabrizio Manuel
2011

Abstract

Riflettendo sul diffuso disinteresse dei giovani nei confronti dell'impegno civile, il saggio si interroga sulle sfide che la pedagogia è oggi chiamata a raccogliere in ragione del nesso inscindibile che lega la pedagogia alla politica. Constatando l'assenza di una autentica pedagogia democratica che possa formare i giovani ai valori sottesi alla democrazia stessa, il lavoro individua nella teoria contrattualista di Rawls una possibile suggestione pedagogica in grado di venire incontro alle istanze di cambiamento e di maggiore giustizia sociale espresse dal mondo giovanile. Sulla base della teoria rawlsiana, viene ipotizzata quindi l'idea della giustizia come equità, posta alla base di una società particolarmente attenta alle diseguaglianze sociali e alle differenze nel quadro di un progetto pedagogico condiviso.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/1568
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact