Acqua pubblica tra referendum e mercato