La ‘parola fiorita’ e l’immagine-testo. Per una teoria ‘forte’ della scrittura azteca