Il commento alla pronuncia n. 259 del 2019 della Corte costituzionale intende mettere in evidenza alcune questioni che investono la materia disciplinare degli ordini professionali. In particolare, muovendo da un giudizio per conflitto di attribuzioni tra Stato (personificato nell’ordine dei medici e degli odontoiatri di Bologna) e Regioni, viene chiarita la portata della “autonomia” attribuita agli enti professionali e si individuano alcuni limiti (interni ed esterni) all’esercizio del relativo potere sanzionatorio.

La Corte costituzionale su autonomia e autodichia degli ordini professionali (perché i nodi vengono sempre al pettine)

Serena Stacca
2020

Abstract

Il commento alla pronuncia n. 259 del 2019 della Corte costituzionale intende mettere in evidenza alcune questioni che investono la materia disciplinare degli ordini professionali. In particolare, muovendo da un giudizio per conflitto di attribuzioni tra Stato (personificato nell’ordine dei medici e degli odontoiatri di Bologna) e Regioni, viene chiarita la portata della “autonomia” attribuita agli enti professionali e si individuano alcuni limiti (interni ed esterni) all’esercizio del relativo potere sanzionatorio.
ordini professionali, potere disciplinare, autonomia degli enti pubblici, deontologia, conflitto tra norme, libertà individuali
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/16931
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact