Iconismo e immagini digitali: una sfida alla semiotica visiva?