La sentenza in commento ribadisce l'indirizzo giurisprudenziale e dottrinale prevalente che ammette il detentore del bene oggetto dell'esecuzione, in quanto terzo assoggettato all'azione esecutiva, a proporre opposizione all'esecuzione ex art. 615 c.p.c. L'A. coglie occasione dalla pronuncia per fare il punto della situazione in tale materia ed in particolare l'A. si interroga sulla diversa area che l'istituto dell'opposizione all'esecuzione è capace di coprire rispetto al distinto rimedio dell'opposizione di terzo ordinaria.

L'OPPOSIZIONE DEL TERZO POSSESSORE AVVERSO L'ESECUZIONE IN FORMA SPECIFICA E I SUOI RAPPORTI CON L'OPPOSIZIONE DI TERZO ORDINARIA

METAFORA R
2006

Abstract

La sentenza in commento ribadisce l'indirizzo giurisprudenziale e dottrinale prevalente che ammette il detentore del bene oggetto dell'esecuzione, in quanto terzo assoggettato all'azione esecutiva, a proporre opposizione all'esecuzione ex art. 615 c.p.c. L'A. coglie occasione dalla pronuncia per fare il punto della situazione in tale materia ed in particolare l'A. si interroga sulla diversa area che l'istituto dell'opposizione all'esecuzione è capace di coprire rispetto al distinto rimedio dell'opposizione di terzo ordinaria.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/1762
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact