Su alcune implicazioni del comportamento degli autovalori delle matrici di correlazioni legate alle variabili della regressione multipla