Su una caratterizzazione degli operatori differenziali del 2° ordine