Sull'edizione di un testo mediolatino a tradizione sovrabbondante: il "De proprietatibus rerum" di Bartolomeo Anglico