Nicola Matteucci e la difficile religione della libertà