Configurare lo spazio nella scrittura azteca: il Codice Mendoza come modello di trasposizione e oltre