Emile Durkheim e la globalizzazione