“Per sghignazzarmi del mondo”. La lettera faceta nel Cinquecento