Cogitationis poenam nemo patitur: nessuno può essere legittimamente punito per avere avuto (ed espresso) un “cattivo pensiero”. Non si può venire perseguiti penalmente per ciò che si pensa: anche quando il destinatario dei “cattivi pensieri” è il capo dello Stato. Da qui ne consegue che il reato di vilipendio possa risultare contrastante con la libertà di critica e comunque non può essere oggetto di una sanzione restrittiva della libertà personale. Semmai una sanzione amministrativa: come si argomenta in questo articolo.

Libertà di critica vs. vilipendio

FROSINI, Tommaso Edoardo
2015

Abstract

Cogitationis poenam nemo patitur: nessuno può essere legittimamente punito per avere avuto (ed espresso) un “cattivo pensiero”. Non si può venire perseguiti penalmente per ciò che si pensa: anche quando il destinatario dei “cattivi pensieri” è il capo dello Stato. Da qui ne consegue che il reato di vilipendio possa risultare contrastante con la libertà di critica e comunque non può essere oggetto di una sanzione restrittiva della libertà personale. Semmai una sanzione amministrativa: come si argomenta in questo articolo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/1973
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact