La Cassazione delimita (ma non troppo) gli obblighi prevenzionistici del datore di lavoro