Con l'aiuto di nove documenti inediti, lo studio procede alla ricostruzione del funzionamento delle botteghe fiamminghe presenti a Napoli nella seconda metà del Cinquecento, indicando scambi tra artisti, intagliatori, scultori e committenti. Ne deriva una rete di relazioni che getta nuova luce sulla stessa fattura dei dipinti afferenti a quelle botteghe.

CORNELIS SMET TRA I PAISANI FIAMMINGHI

VARGAS, Carmela
1991

Abstract

Con l'aiuto di nove documenti inediti, lo studio procede alla ricostruzione del funzionamento delle botteghe fiamminghe presenti a Napoli nella seconda metà del Cinquecento, indicando scambi tra artisti, intagliatori, scultori e committenti. Ne deriva una rete di relazioni che getta nuova luce sulla stessa fattura dei dipinti afferenti a quelle botteghe.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/2037
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact