In Francia, dal 1 aprile del 2015 è entrato in vigore il Décret n° 2015-282 dell'11 marzo 2015, relatif à la simplification de la procédure civile à la communication électronique et à la résolution amiable des différends, il quale prevede agli artt. 18-22 che tutte le citazioni e i ricorsi (nonché ogni altro atto introduttivo del giudizio) debbano specificare le procedure intraprese per raggiungere una risoluzione amichevole della controversia, con le uniche eccezioni rappresentate dal ricorrere di motivi di urgenza o dalla circostanza che la controversia riguardi alcune materie particolari (ad es. l'ordine pubblico).

LA MEDIAZIONE E LA CONCILIAZIONE QUALI CONDIZIONI DI PROCEDIBILITÀ DELLA DOMANDA NEI PROCESSI CIVILI FRANCESI: UNA SOLUZIONE ESPORTABILE ANCHE IN ITALIA?

METAFORA R
2016

Abstract

In Francia, dal 1 aprile del 2015 è entrato in vigore il Décret n° 2015-282 dell'11 marzo 2015, relatif à la simplification de la procédure civile à la communication électronique et à la résolution amiable des différends, il quale prevede agli artt. 18-22 che tutte le citazioni e i ricorsi (nonché ogni altro atto introduttivo del giudizio) debbano specificare le procedure intraprese per raggiungere una risoluzione amichevole della controversia, con le uniche eccezioni rappresentate dal ricorrere di motivi di urgenza o dalla circostanza che la controversia riguardi alcune materie particolari (ad es. l'ordine pubblico).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/2073
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact