Per un'eredità senza fondamenti: riscoprire gli studi umanistici per rinnovare le Scienze della comunicazione