Underground, controcultura e nuovo libertarismo