Il "partito di Silicon Valley": poteri digitali e progressismo globalista