Un’ipotesi di utopia. La scrittura azteca e le lingue perfette